Il metodo fonda le sue radici sull’importanza dell’omeostasi fisiologica.

Kairos è un metodo di lavoro che si avvale di tecniche manuali per il riequilibrio del benessere psicofisico.

Già dalla prima sessione di corsi si apprende come liberare i tessuti dalle tossine che il corpo stesso produce e accumula.

È grazie all’approfondimento della conoscenza della pelle ed all’interpretazione dell’inestetismo, che ci indica sempre quale tipo di tensione sta manifestando o quale emozione si sta trattenendo che, nei corsi a seguire, abbiamo la possibilità di imparare a “diagnosticare” nel particolare ogni singolo punto.

Stress fisico, scorretta alimentazione e ambiente inquinato influiscono sul nostro benessere.

Un altro strumento fondamentale del metodo è la plantoriflessologia; le zone riflesse del corpo sul piede ci fanno riconoscere quale fascia è compromessa sia fisiologicamente che energeticamente.

Negli anni gli studi ci hanno portato all’esigenza di differenziare le tossine, quindi una metodica di drenaggio mirato, è una tecnica assolutamente indispensabile per pulire e ripristinare l’omeostasi.

Ultimo, ma non meno importante è il corso di laboratorio, occasione per gli operatori di potersi confrontare e di poter sperimentare le tecniche acquisite.
In questa sessione i corsi apriranno le porte del metodo che è in continua crescita grazie alla passione per la conoscenza di quel meraviglioso mondo chiamato corpo.

Dicono di noi…

Ho conosciuto e apprezzato nel tempo gli ideatori del metodo KAIROS, percependo non solo la dedizione e la meticolosità nella professione che esplicano quotidianamente, ma la grande energia che emanano che ti coinvolge e ti appaga.

Da medico clinico, abituato ad un rigore scientifico nell’analisi e nella cura delle persone nella loro globalità ho imparato a vedere sempre di più le sfumature, che spesso, modificano il risultato clinico, talora in senso negativo, talora in senso positivo. Il benessere di una persona è ormai un obbiettivo primario di un percorso, quasi ossessivo, che la vita ed il suo ritmo quotidiano ci impongono. Dovremmo invece saper vivere, gioire, piangere, cantare, stare in silenzio. Spesso mi viene chiesto di guarire per sempre da qualcosa, da qualcuno; ma senza capire che un medico dovrebbe innanzitutto far capire cosa è la vita e quali sono i suoi limiti. Ed in questa bellissima professione che esplico ogni giorno ho apprezzato di non essere solo, ma di avere colleghi aperti con cui parlare, discutere, confrontarmi, per avere una soluzione (non la migliore, ma la più adeguata) alle domande quotidiane che mi vengono rivolte. Nell’ottica del benessere della persona, i colleghi non sono solo i cosiddetti “pari grado”, ma tutte quelle figure ciascuna nel suo campo specifico e per le professionalità di competenza, che assieme ed in continuo scambio, trovano più adeguata e accertata per il fine suddetto.

Gli operatori KAIROS a mio avviso, esplicano quotidianamente, con la loro acuta professionalità e il “LORO METODO RIGOROSO E VALIDATO”, ed il confronto sempre aperto con qualsiasi professionista tutte quelle competenze utili al miglioramento ed al mantenimento del benessere dell’uomo. Un grazie profondo di stima ed un augurio per un futuro ancor più ricco di energia umana.

Dott. Gianluca Azi